Venerdì si svolgerà a Todi il seminario internazionale "La Linea Sottile" sui Disturbi del comportamento alimentare, che sarà l'occasione per fare il punto della situazione sulla epidemiologia e sul trattamento di tali disturbi nel nostro paese, confrontando la nostra realtà con quella di altri paesi europei. Sarà presente il professor Fairburn di Oxford la massima autorità mondiale nel campo dei Dca. Saranno presentati dati recenti raccolti sui 165 centri italiani censiti, una sorta di Osservatorio epidemiologico aggiornato costruito grazie alla mappatura realizzata su iniziativa del Ministero della Salute e della Gioventù e coordinata dalla Regione dell'Umbria.
Sono circa 16.000 i pazienti in trattamento presso questi servizi che ci riconsegnano uno spaccato sulle caratteristiche della popolazione italiana affetta da tali disturbi e sulle modificazioni che la patologia ha subito in questi anni. Sarà presentato il materiale preparatorio per la realizzazione di Linee guida nazionali con l'indicazione delle raccomandazioni di Buona Pratica per questo tipo di disturbi. Nel 1998 Il Ministero della Salute dette indicazioni sulla prevenzione, la diagnosi e la terapia dei Disturbi del comportamento alimentare, di fronte ad un problema che si prefigurava allora come emergente. La stessa commissione ipotizzava un modello tecnico-organizzativo secondo una rete dipartimentale di assistenza che doveva essere articolata nei seguenti livelli di trattamento: unità ambulatoriali, unità semiresidenziali e di day hospital, servizi di degenza residenziale riabilitativa, unità di ricovero ospedaliero attrezzata per il trattamento della fase acuta della patologia (cosiddetto salvavita ).


0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Todi Notizie

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

News dalla Provincia di Perugia