La cultura al tempo della crisi

Cultura e sviluppo economico. Due settori su cui Marsciano vuole continuare a puntare. A parlarne è l'assessore Valentina Bonomi, che, sul fronte cultura, si ritiene soddisfatta dell'anno trascorso, che ha definito
"denso di iniziative per tutto il territorio marscianese. La grande quantità di eventi che ha caratterizzato il 2010 - dice l'assessore - è stata possibile grazie all'attività di sostegno e indirizzo dell'amministrazione e dei collaboratori del settore, che hanno fatto un lavoro encomiabile, ma anche grazie all'esistenza di un operoso tessuto di associazioni, privati cittadini e imprese che credono nella cultura, investendovi tempo e denaro. L'obiettivo, del resto, non è solo quello di promuovere iniziative, ma anche mettere le tante realtà attive sul territorio in condizione di realizzare eventi. Pur dovendo confrontarsi con la ridotta capacità di spesa, che a causa dei tagli varati dal Governo si ripercuoterà anche in ambito culturale, siamo convinti che la promozione di iniziative culturali abbia positive ricadute sia in termini di dinamicità economica che della qualità della vita. Lo spettacolo teatrale itinerante "Monteregio" è stata una delle iniziative che hanno qualificato il 2010, ma vorrei citare anche gli "Incontri con l'autore", proposti nell'ambito delle attività di promozione della biblioteca e la mostra di Dalì, tuttora in corso al museo. Biblioteca e museo - prosegue la Bonomi - sono del resto i nostri cardini in questo settore. Per quanto riguarda la biblioteca, poi, è iniziato già un anno fa un lavoro di informatizzazione che attraverso una migliore catalogazione digitale dei testi renderà il patrimonio librario più fruibile. Oltre a ciò si sta investendo anche per garantire una più puntuale formazione degli operatori della biblioteca stessa. A questi interventi faranno seguito, nel corso del 2011, una serie di lavori volti ad apportare migliorie strutturali agli spazi che ospitano le altre sale dedicate alla didattica e alle conferenze."
Per quanto riguarda lo sviluppo economico l'assessore cita gli effetti della congiuntura economica negativa,
"le cui ripercussioni - afferma - proprio adesso stanno avendo conseguenze pesanti dal punto di vista occupazionale. Il Comune, oltre a misure di ordine sociale rivolte alle famiglie, ha istituito un Fondo di garanzia per l'accesso al credito rivolto alle imprese del territorio, per la cui istituzione è stato attuato il metodo della concertazione con associazioni di categoria e istituti di credito. Il nostro tessuto produttivo - prosegue - ha comunque dimostrato una sostanziale capacità di tenuta e lo stesso rilancio dell'Osservatorio sull'economia locale, precedentemente istituito dalla seconda giunta Chiacchieroni, sarà uno strumento utile proprio per valutare lo stato di salute del nostro territorio e individuare i migliori strumenti per intervenire nell'azione di sostegno e indirizzo dello sviluppo economico".


0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Todi Notizie

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

News dalla Provincia di Perugia